ISSN 2784-9635

La causa di non punibilità nel delitto di autoriciclaggio

Redazione - 15/05/2020

La Corte di Cassazione torna a pronunciarsi sulla clausola di non punibilità prevista dal comma 4, art. 648 ter-1 c.p. (Cass.pen., sez. VI, 4/05/2020, n. 13571).

Tale ipotesi è integrata soltanto nei casi in cui l’agente utilizzi o goda dei beni provento del delitto presupposto in modo diretto, senza compiere su di essi alcuna operazione atta ad ostacolare concretamente l’identificazione della loro provenienza delittuosa, e va pertanto esclusa nei casi in cui il trasferimento di denaro sia giustificato dall’acquisto di un immobile ed avvenga grazie a strumenti di schermo, quali il mandato fiduciario.

Cass pen 13571-20