ISSN 2784-9635

L’Unità di Informazione Finanziaria per l’Italia (UIF) ha pubblicato i c.d. Quaderni dell’antiriciclaggio relativi al primo semestre del 2021

Gloria Lazzaro - 18/10/2021

Lo scorso 4 ottobre 2021 l’Unità di Informazione Finanziaria ha pubblicato i Quaderni dell’antiriciclaggio in riferimento al primo semestre 2021.

Dalle analisi svolte è stato possibile evidenziare un aumento del 32,5% delle segnalazioni di operazioni sospette nel primo semestre del 2021 rispetto al periodo corrispondente dell’anno 2020, per un totale complessivo di 70.157 segnalazioni pervenute all’UIF.

Il considerevole aumento di segnalazioni di operazioni sospette, rispetto a quanto avvenuto nel 2020 è dovuto alla coincidenza del primo semestre dello scorso anno con la fase del primo lockdown e la successiva fase di incertezza.

L’Unità di Informazione Finanziaria per l’Italia ha evidenziato la predominanza delle categorie di segnalanti negli IMEL e negli IP che hanno più che raddoppiato le segnalazioni inoltrate rispetto al primo semestre 2020.

L’incidenza del comparto finanziario non bancario è cresciuta dal 21,0 al 33,4 per cento; mentre per il comparto non finanziario i maggiori aumenti sono per i prestatori di servizi di gioco (da 2.287 a 3.305 segnalazioni), i notai (da 1.561 a 2.479) e i soggetti in attività di custodia e trasporto valori (da 141 a 830).

Le comunicazioni della Pubblica amministrazione, pur restando contenute, registrano il numero più elevato in un semestre (82) e sono riferibili principalmente ad anomalie riscontrate in operazioni di finanziamento nell’ambito delle misure straordinarie legate all’emergenza epidemiologica Sars-CoV-19.

Nel primo semestre 2021, l’UIF, come si evince dai Quaderni, ha analizzato e trasmesso agli organi investigativi quasi il 30% di materiale in più rispetto al primo semestre del 2020 ed ha adottato 20 provvedimenti di sospensione per un valore complessivo di 14,3 milioni di euro.

Una novità di interessante portata è consistita nell’introduzione della sezione delle comunicazioni oggettive sulle operazioni in contanti ricevute dalla UIF: a tal riguardo, è stato evidenziato un aumento pari al 4% rispetto al medesimo periodo dell’anno 2020.

Un altro aspetto a cui i Quaderni hanno dato particolare rilievo è stato il trend, decisamente crescente, del rapporto collaborativo con l’autorità giudiziaria, già evidenziato nel corso dell’anno 2020 e, altresì, confermato dai dati relativi al primo semestre del 2021 che indicano un incremento del 14% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Da ultimo, è stato riscontrato un ulteriore incremento in relazione all’attività di collaborazione con le FIU estere, tanto con riguardo alle richieste ricevute dalla UIF quanto per gli scambi in ambito europeo relativi a operazioni sospette “cross-border.”

Di seguito il link per la consultazione integrale dei Quaderni dell’antiriciclaggio dell’Unità di Informazione Finanziaria: https://uif.bancaditalia.it/pubblicazioni/quaderni/2021/quaderno-1-2021/Quaderno_I_2021.pdf