ISSN 2784-9635

PANDORA PAPERS. Revisione della Raccomandazione 24 FATF

Eugenio Guardati - 29/10/2021

Con lo statement del Presidente Marcus Pleyer[1], il Financial Action Task Force prende atto della vicenda Pandora Papers.

A fronte dell’emergente necessità di adottare ulteriori e più efficaci misure per contrastare il ricorso a fini illeciti delle shell companies, il FATF sta conducendo lavori di aggiornamento dei requisiti internazionali sulla trasparenza societaria dei beneficiari effettivi, ad un primo esito dei quali, tramite consultazione pubblica, ha definito una Proposta di revisione alla Raccomandazione 24.[2]

Ben noto è il ricorso a tecniche di offuscamento e di interposizione fittizia del titolare effettivo di persone giuridiche, società, trust e altri istituti affini, finalizzate all’evasione fiscale e alla distrazione di proventi delittuosi.

Già nel 2003, il FATF fece luce sui rischi associati agli “schermi societari” e ai networks di società di comodo (shell companies), introducendo standards globali di trasparenza e di prevenzione dell’oscuramento delle informazioni societarie. Più di 200 paesi si impegnarono a richiedere ai propri intermediari finanziari e professionisti non finanziari (quali ad es. avvocati, commercialisti e settore immobiliare) di identificare e verificare le informazioni relative ai titolari effettivi di persone giuridiche costituite o operanti nelle relative giurisdizioni.

Tuttavia, le evidenze di oltre 100 mutual evaluations condotte all’interno del Global Network del FATF hanno mostrato una persistente carenza di azioni effettive di contrasto al ricorso a fittizie interposizioni societarie. Solo il 30% dei Paesi che si sono sottoposti a mutual evaluation hanno rivelato un sistema legislativo e regolamentare compliant agli standards FATF in materia di trasparenza dei beneficiari effettivi e soltanto il 10% di questi ha adottato misure efficaci di trasparenza societaria.

Il FATF ha elaborato alcune proposte di emendamento della Raccomandazione 24 che “suggeriranno” agli Stati membri l’adozione di misure addizionali di contenimento del rischio di riciclaggio e finanziamento del terrorismo, (oggetto di ulteriore approfondimento nei prossimi giorni) tra queste il divieto di emettere azioni al portatore a livello internazionale e l’adozione di un registro condiviso sulla titolarità delle persone giuridiche.

La Proposta di Revisione alla Raccomandazione 24 sarà oggetto di consultazione pubblica fino alle h. 18 del 3 dicembre 2021 per poi essere discussa nella plenaria di febbraio 2022.

[1] https://www.fatf-gafi.org/publications/fatfgeneral/documents/pandora-papers.html

[2] https://www.fatf-gafi.org/publications/fatfrecommendations/documents/public-consultation-r24.html